Xbox One

Da tempo ormai la nuova generazione di console è arrivata nei salotti di tutto il mondo offrendo caratteristiche degne di nota e qualità estrema dei giochi e delle prestazioni. Diretta concorrente della Playstation da anni, in questo caso specifico con la versione 4 della console di Sony, non ha mai perso direttamente il confronto. Infatti entrambe hanno delle configurazioni di tutto rispetto. Questa One è pensata appositamente per un’esperienza da salotto a 360 gradi, poiché è offerta al pubblico insieme alla periferica Kinect che tante novità e freschezza di esperienze ha introdotto già con il precedente modello, l’Xbox 360 in termini di giocabilità e che tante ne ha portate ora per quel che riguarda l’utilizzo multimediale. Oggi andremo a scoprire tutte le funzionalità di questo sistema di intrattenimento all in one pensato e concepito dalla casa di Redmond per tenere compagnia sia gli accaniti gamer e anche chi non lo è.

Design

Il look nell’estetica presenta un look molto più minimale nelle sue linee rispetto alla Xbox 360 precedente e che conferma come colore distintivo il nero con alcune parti lucide e altre invece opache. Xbox One ha però un aspetto più maturo e più elegante e che diventa a tutti gli effetti un complementare da affiancare ai classici amplificatori o decoder che solitamente si posizionano sotto i televisori presenti nei salotti, però non ha delle dimensioni molto ridotte e non è studiata, come la concorrente di Sony, per poter essere posizionata in posizione verticale. Con le sue dimensioni di larghezza da 34,3 cm, una profondità di 26,3 cm ed un’altezza di 8 cm dovremo pensare prima a come posizionarla nel mobile dove intenderemo porla. La scocca più esterna presenta una griglia di bocchette d’aria che sono poste sul lato superiore della console e sono disposte in un modo tale da fornire un minore surriscaldamento della macchina durante il suo utilizzo. Questo gli permette di funzionare in modo adeguato mantenendo la console molto silenziosa anche dopo svariate ore di utilizzo consecutivo. La parte frontale ospita l’alloggiamento per il lettore blu ray sia per i giochi che per i film ed il logo luminoso di Xbox One che andrà ad indicare lo stato di accensione o spegnimento della stessa. Sulla parte laterale troviamo una porta USN che ci sarà utile per il collegamento e la ricarica dei joypad e che potrà avvenire tramite il kit di caricamento che non è però incluso nella confezione. Tutte le altre restanti porte di connessione sono presenti nella parte posteriore della console. Infatti il retro di Xbox One offre sia un ingresso HDMI 1.4 per il collegamento a decoder satellitari e terrestri, una porta HDMI 1.4 che ci consente l’uscita per la TV. Un ingresso ethernet per il collegamento ad internet, ma il dispositivo supporta anche la connessione wifi. Avremo anche la porta dedicata all’unità Kinect, un’uscita audio ottica, l’uscita infrarossi per comandare TV e decoder direttamente via Xbox One, due porte USB aggiuntive e logicamente la porta per poter collegare l’alimentatore che è esterno e non molto piccolo.

Hardware

All’interno di questa console abbiamo un processore octa core x86 64 più 8 GB di RAM, di quali 3 GB sono utilizzati per applicazioni e sistema operativo. La memoria su disco è da 500 GB e una memoria flash da 8 GB. Come già scritto precedentemente la console ospita un lettore Blu Ray che supporta una risoluzione 4x da 3840 x 2160 ed un audio surround da 7.1. Queste caratteristiche sono paragonabili ad un PC di fascia medio alta che garantiranno una buona qualità per i titoli di nuova generazione e per l’uso multimediale che ne faremo. Come succede anche per PS4 una delle pecche è l’assenza di retro compatibilità che non ci consentirà di giocare con i vecchi titoli di Xbox 360.

Dotazioni

All’ interno della confezione, Microsoft ci ha messo a disposizione altri accessori indispensabili come il joypad Xbox One, le nuove cuffie ed il modello aggiornato della periferica Kinect. Il nuovo pad è preciso ed affidabile ed ergonomico- A livello estetico assomiglia molto al precedente della 360 ma comprendono alcune migliorie degne di nota. Ad esempio i tasti select e start sono stati sostituiti con i due pulsanti view e menù. È stato anche perfezionato per una migliore esperienza di gioco con una croce direzionale e levette analogiche più precise, tasti e grilletti dorsali più accessibili e l’integrazione della vibrazione su questi ultimi per rendere più immersiva l’esperienza che vivremo a livello ludico. La parte dorsale del controller comprende un led ad infrarossi che consentirà a chi lo tiene in mano di essere riconosciuto dal sistema Kinect. Anche la funzionalità wireless consente al giocatore di ricevere attraverso il joypad stesso un ‘ottima qualità audio surround direttamente sulla cuffia che ci avranno fornito.

La Dashboard di Xbox One

Questa dashboard è parte integrante dell’utilizzo della console ed è basata su tre differenti sistemi operativi che interagiscono tra di loro per gestire le diverse funzionalità. Xbox OS è il primo, un sistema operativo che si basa sul kernel di Windows 8 ed un terzo sistema operativo che invece si occuperà delle funzioni multitasking tra gli altri due citati sopra. Attraverso la funzionalità SNAP ci consente di affiancare due applicazioni da utilizzare in simultanea come ad esempio l’utilizzo di Skype mentre giochiamo una partita o guarderemo la TV. Il layout estetico prende molto spunto dallo stile Metro che Microsoft ha già utilizzato con Windows 8 e Windows Phone. La navigazione dei menù e a scorrimento con pagine dedicate ad applicazioni in uso, film, giochi ed elementi social, come la timeline che ci descriverà le attività svolte dai nostri amici su Xbox Live. Potremo scaricare nuove applicazioni scaricabili attraverso Xbox Live e che permettono di sfruttare a pieno le funzionalità della console.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *